landrover africa kenya amici

Una difficile tappa di trasferimento

DAY 19 | Masai Mara – Homa Bay

Il sole caldo del mattino ci sveglia per la colazione. Entro le 8:00 am lasciamo il campo in direzione nord verso Bomet attraversando le Loita Plains, dove la fauna selvatica è ancora molto numerosa anche se siamo ormai fuori dalla riserva.

In partenza per Homa Bay
In partenza per Homa Bay

Percorriamo i primi quindici chilometri su una pista in pessime condizioni, anche a causa delle piogge che quest’anno non danno tregua al paese.

La pista migliora leggermente fino ad Aitong ma si incontrano pochissime vetture da queste parti, forse due in un’ora e mezzo di viaggio. Dopo qualche chilometro non troviamo le indicazioni per la C13 e imbocchiamo una pessima pista che si dirige a nord-ovest, verso il villaggio di Kaboson.

Dopo circa sei chilometri di pista non segnalata sulle nostre mappe ci troviamo di fronte ad un casello di pedaggio nei pressi del Nampaso Airport. Paghiamo 500 Ksh. per poter transitare attraverso una ricca distesa di coltivazioni. Poi la pista che stiamo seguendo peggiora decisamente e con fatica raggiungiamo la strada principale per Bomet, la B3.

Abbiamo percorso 75 chilometri in quattro ore, probabilmente una delle piste peggiori prese fino a questo momento ( a parte il Passo al Lago Turkana ! )

Verso mezzogiorno giungiamo a Bomet dove troviamo un’area di servizio che possa sostituirci l’olio della trasmissione e del cambio. Mettiamo cinque litri di olio e del grasso per tamponare la perdita che ormai sembra costante, anche se lieve.

Villaggio di Kaboson, vita lungo la strada
Villaggio di Kaboson, vita lungo la strada

Due ore dopo siamo a Keroka, dove cerchiamo di cambiare i nostri dollari ma lo scanner della banca non funziona e non possono verificare se sono veri o falsi. Ci spostiamo così a Kisii ma la banca è già chiusa ( 15:20 ) 

Alle 18.00 giungiamo a Homa Bay, piuttosto provati da questa lunga e faticosa tappa, con un tratto sterrato impegnativo negli ultimi chilometri. Ci sistemiamo al Bay Lodge ( 650 Ksh. per una doppia ) L’acqua è razionata e per farsi la doccia si utilizza una brocca e un catino in stanza. Ore 18.30: ceniamo al Ruma Tourist Lodge


Presso la locale cooperativa di pescatori a Homa Bay

Visita al mercato del pesce

Raggiungiamo Mbita e ci sistemiamo all’Acacia Camp Resort. Situato circa due chilometri a sud della città, lungo le rive del lago Vittoria questo campeggio è splendido.

Nel primo pomeriggio visitiamo il vicino consorzio ittico gestito da un gruppo di simpatici pescatori della zona. Mbita ha l’aspetto del classico villaggio di frontiera, con un’atmosfera rilassata e alcune belle spiagge. Siamo gli unici turisti a visitare questi luoghi e possiamo passeggiare tranquillamente, scattando fotografie senza essere disturbati.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *