Quanto costa vivere in camper ? Scopri il nostro report dettagliato dell’anno 2018

Quanto costa vivere in camper ? Scopri il nostro report dettagliato dell’anno 2018

with 14 Comments

Il fenomeno “fulltimers” non accenna a fermarsi e sulle piattaforme social impazzano le immagini e i video di novelli furgonati, camperisti, truckers o skoolies ( chi vive a bordo di camion o autobus camperizzati, n.d.r. ) che hanno deciso di cambiar vita ( o forse soltanto prendersi un periodo sabbatico di prova…) scegliendo di vivere “ON THE ROAD” in una casa su ruote.

Ma quanto costa vivere in camper ? In questo articolo ancora una volta facciamo luce sull’unica domanda veramente importante per chiunque voglia cambiare vita. Rispetto ai report precedenti abbiamo variato leggermente l’ordine di presentazione delle voci di spesa, cominciando il nostro elenco da quelle che consideriamo essenziali

Quanto abbiamo speso nel 2018

Presentiamo in dettaglio tutte le principali voci di spesa che incidono sulla nostra vita da fulltimers, per consentirvi di fare un confronto con le spese ordinarie del vivere in una casa di mattoni e cemento. Tutte le spese sotto elencate sono intese sulla base di due persone/fulltimers ( Pier e Amelie )

NOVITA 2019 ! Quest’anno abbiamo inserito la variazione percentuale di spesa rispetto all’anno precedente e la media di spesa spalmata sui primi 6 anni di vita in camper ( sarebbero quasi 7, ma essendo partiti nel maggio del 2012, consideriamo questo primo anno come di assestamento…)

Per scoprire nel dettaglio i nostri report fate click su ogni voce di spesa che trovate nella lista qui sotto. Si apriranno grafici e riepiloghi relativi all’anno 2018 appena trascorso. Ogni suggerimento per migliorare il nostro report è sempre gradito e lo potete fare inserendo un commento a fine articolo. Si comincia…

Il costo della copertura quest’anno è sceso leggermente (-5,5%), con l’invecchiamento del mezzo. Copre quasi tutto e include una polizza salute per l’Estero. Altre assicurazioni costano meno e potreste trovare preventivi a partire da 450€/anno ( in base alle caratteristiche e all’anno di immatricolazione del vostro mezzo ) Nel complesso la nostra media nel corso di questi 6 anni è stata di 714€

Controllate sempre che ci siano tutte le garanzie utili per vivere tranquilli un intero anno in giro per l’Europa ! Noi abbiamo incluso dal 2016 anche la garanzia per COLLISIONI CON I VEICOLI NON ASSICURATI ( 25€  ) visto che sempre più mezzi circolano senza assicurazione.

E’ la nostra tassa sulla casa e non è mai cambiata nel corso degli anni. Per noi una tassa ingiusta e inutile a cui non si può sfuggire. Per lo meno non ci sono stati aumenti e di sicuro è una spesa decisamente inferiore rispetto al bollo di una normale autovettura

Quest’anno abbiamo speso meno del solito (-35%) nonostante gli importanti interventi sostenuti: cambio della cinghia di distribuzione ( 650€ ), sostituzione in emergenza del cerchione posteriore ( il terzo che si crepa in due anni, 160€ ), verniciatura della carrozzeria ( per un difetto del nostro Fiat Ducato 2007 che tendeva a sfogliarsi, 400€ ) A questi grandi interventi aggiungiamo tutti gli accessori acquistati nel corso dell’anno per le piccole riparazioni di routine.

A meno che non abbiate acquistato un rottame, di sicuro la manutenzione del camper dovrebbe essere al primo posto nelle vostre priorità. La nostra casa su ruote rappresenta una scelta di libertà e ci deve permettere spostamenti sicuri “ON THE ROAD”. Soltanto se pensate di piazzare la vostra casa all’interno di un giardino, di un campeggio o di un’area a pagamento senza più spostarvi allora potete evitare la manutenzione più costosa.

Le spese di manutenzione sono una “variabile impazzita” ed è piuttosto difficile mettere a budget una cifra specifica ogni anno. E poi ognuno di noi vive su mezzi differenti. Dal camper nuovo di zecca che almeno nei primi anni non richiede grandi spese di manutenzione alle vecchie carrette che necessitano di continui interventi e riparazioni

Andamento grafico delle spese dal 2013 al 2018 – FAI CLICK PER INGRANDIRE

Leggera flessione dei costi (-11,7%) come conseguenza della sosta forzata di tre mesi in Liguria. Per dovere di cronaca segnaliamo che il nostro impianto di riscaldamento utilizza il diesel che abbiamo nel serbatoio. Non è possibile quantificare quanto spendiamo esattamente per riscaldare la nostra casa ma, grazie all’impianto Webasto Air Top che ha un’ottima efficienza, i consumi sono davvero ridottissimi. Direi che possiamo quantificarli con un bicchiere di gasolio per ogni ora di funzionamento.

In condizioni normali e grazie al clima mite delle località in cui soggiorniamo, non utilizziamo mai il riscaldamento durante la notte ( basta un caldo piumone ) e sono davvero pochi i mesi in cui lo utilizziamo per qualche ora al giorno. Anche quest’anno in Liguria il clima è stato davvero piacevole e mai freddo.

In area di sosta a pagamento sfruttiamo eventualmente la corrente anche per riscaldare il camper, grazie ad una stufa elettrica al quarzo con due candele separate da 400W che possono funzionare separatamente ( non sempre l’amperaggio fornito nelle aree è sufficiente per utilizzare tutta la potenza della stufa )

In totale quest’anno abbiamo percorso in camper soltanto 7029 km, circa 4000 km in meno rispetto al budget massimo che ci siamo imposti (11.000 km/anno ) con un “risparmio” di oltre 600€ che sono andati a coprire perfettamente i costi della nostra sosta forzata in Liguria. Viaggiare per noi con un budget di chilometri annuali ci consente non solo di pianificare al meglio le manutenzioni del mezzo e di non caricare il motore con troppi chilometri ( vogliamo che duri il più a lungo possibile ) ma anche di avere questa voce di spesa perfettamente sotto controllo.

Molti fulltimers che abbiamo incontrato viaggiano senza considerare gli spostamenti, senza pianificare molto. Va benissimo, è bello…ma se viaggi a zigzag, senza meta e magari devi anche tornare in Italia per motivi personali o per sbrigare pratiche burocratiche allora spesso è facilmente ti ritroverai fuori budget !

Andamento grafico delle spese dal 2013 al 2018 – FAI CLICK PER INGRANDIRE

Quest’anno abbiamo consumato 12 bombole del gas ( una in meno dell’anno scorso ) ma con una variazione di spesa del +17,4% | Questo aumento è dovuto al periodo più lungo trascorso in Italia dove il gas costa davvero troppo caro ( tra i 25 e 30€ a seconda della regione, in Piemonte e Liguria ) Ancora una volta segnaliamo una grande differenza tra il costo del gas in Spagna ( quest’anno tra i 12€ e i 14€ a bombola ) rispetto all’Italia e alla Francia ( dove il costo è molto simile all’Italia )

Abbastanza allineate le spese nel corso di questi sei anni ma come vedete dal grafico, in lieve, costante ascesa. Con il gas cuciniamo ( tre fuochi e forno: Amelia prepara spesso e volentieri torte salate, pizze e torte di mele) e scaldiamo l’acqua per la doccia. Anche il frigorifero, quanto non attaccato alla corrente in area di sosta, funziona a gas. Per avere un’idea dei costi provate a fare un confronto con i vostri consumi casalinghi

Andamento grafico delle spese dal 2013 al 2018 – FAI CLICK PER INGRANDIRE
Dopo due anni di grande sosta libera, con una spesa ridicola per i pernottamenti ( una media di 14€ al mese ), quest’anno la sosta forzata in Liguria ha fatto lievitare i nostri costi di soggiorno (+218,6%) Stare fermi a lungo ci ha però consentito di risparmiare sul carburante: il nostro budget medio è di circa 800km/mese ( in Spagna avremmo speso circa 120€ al mese di diesel per viaggiare ONTHEROAD ! )

Siamo rimasti in sosta nei mesi più freddi e meno soleggiati e restando fermi a lungo abbiamo dovuto utilizzare la corrente elettrica che ha inciso per circa 3€ al giorno. Di norma non è inclusa nel prezzo ed è possibile non utilizzarla, risparmiando. Per il resto dell’anno produciamo in modo autonomo tutta l’energia di cui abbiamo bisogno grazie ad un pannello solare da 100W

Mentre in Italia la sosta libera non è così scontata e semplice da fare ( in particolare in Liguria ) all’estero è tollerata ( in particolare fuori stagione ) in buona parte del bacino del Mediterraneo e spesso in posti meravigliosi ( a pochi metri dal mare per esempio o in aree faunistiche, in parchi o presso cittadine deliziose ) Come sempre valgono le regole del buon senso per fermarsi in libera e qui trovate i nostri consigli per praticare la sosta libera in sicurezza.

Comunque possiamo dire che siamo rimasti pressochè all’interno della nostra media annuale come potete vedere dal grafico che abbiamo realizzato per voi. La grande spesa del 2015 riguarda un evento imprevedibile di carattere famigliare che ci ha costretto a rimanere in sosta a pagamento più a lungo del previsto.

Andamento grafico delle spese dal 2013 al 2018 – FAI CLICK PER INGRANDIRE

A partire dall’anno 2016 abbiamo conteggiato in modo più corretto le nostre spese alimentari. Negli anni precedenti, per comodità, inserivamo in questa voce tutti gli acquisti effettuati al supermercato ( dai detersivi ai deodoranti ) Questo comportava un calcolo errato delle spese sostenute per la nostra alimentazione. La cifra indicata ora è corretta e rispecchia quanto effettivamente spendiamo al mese per mangiare ( incluse le rare volte in cui si mangia fuori o si prende un caffè al bar…) 

Nel 2018 registriamo una variazione di spesa percentuale del 20,3% rispetto all’anno precedente. Abbiamo speso di più, non c’è dubbio, ma non siamo in grado di fare una corretta valutazione di questa spesa. La qualità dei cibi acquistati è rimasta la stessa, così dicasi della dieta. Potrebbe essere un aumento dei prezzi in generale e sicuramente la maggiore permanenza in Italia ( e in Liguria in particolare ) ha inciso sui costi. Rispetto all’estero spendiamo sicuramente di meno in Spagna e Portogallo che non in patria.

Per chi non ha mai letto i nostri report ricordiamo brevemente la nostra filosofia alimentare e di spesa. Solo cibi sani e variati, con una dieta mediterranea tendente al vegetariano. Per il momento non seguiamo in maniera assoluta particolari correnti nutrizioniste ma in generale evitiamo il consumo di carni e formaggi.

Amelia cucina sempre in camper e abbiamo abolito pranzi o cene al ristorante ( salve alcune eccezioni o se invitati da amici ) Evitiamo anche le colazioni al bar e se abbiamo voglia di una coca cola o di un gelato li compriamo al supermercato. Si acquista possibilmente a km zero, nei discount ( quasi sempre Lidl ) e ovviamente con un occhio alle offerte. A volte gli amici ci invitano a casa loro o in camper e in questo caso Amelia cucina sempre qualcosa da condividere insieme a tavola.

Andamento grafico delle spese dal 2016 al 2018 – FAI CLICK PER INGRANDIRE
Questa voce comprende tutto ciò che acquistiamo al supermercato per la pulizia della casa: detersivi, stracci, spugne, sacchetti della spazzatura…-27% la variazione percentuale quest’anno
Amelia è una brava massaia e sfido molte casalinghe in ascolto. Se avete in mente di fare questa vita e volete risparmiare almeno un pò dovete tirarvi su le maniche e tornare al vecchio metodo. Si lava presso lavatoi pubblici, lavandini, fiumi o in camper nel piccolo lavabo del bagno.

Solo il grosso del bucato lo si fa presso lavanderie a gettone o mentre siamo in sosta presso aree a pagamento ( in questo caso spesso le scegliamo se hanno una piccola lavanderia a disposizione oppure acqua calda e lavatoi. Quest’anno registriamo un -22,1% – Brava Amelie !

Andamento grafico delle spese dal 2013 al 2018 – FAI CLICK PER INGRANDIRE

+22,5% la variazione rispetto al 2017. Un leggero aumento dei costi dovuti anche in parte al cambio di compagnie telefoniche con costi aggiuntivi. Purtoppo con Vodafone non siamo riusciti ad usufruire del traffico Internet in Europa a pieni GB. Per prima aveva introdotto la limitazione del roaming dati, in anticipo su tutte le altre compagnie telefoniche.

Dal 15/6/2017, con l’arrivo del Roaming Like at Home, la Regolamentazione Europea 2016/2286 ha stabilito che usare il cellulare durante una “permanenza temporanea” in un altro paese dellUE o usarlo nel paese in cui si vive non fa più alcuna differenza: si utilizza dunque la propria tariffa nazionale per il roaming. Un bel cambiamento rispetto al passato ( usavamo molto Skype con reti wifi gratuite ) mentre ora con Iliad abbiamo minuti illimitati per le nostre chiamate in Italia e 3GB di traffico internet ( 5,99€/mese ) Dal prossimo anno questa voce di spesa sarà dunque leggermente ridotta.

Anche in questo caso la cifra indicata è puramente indicativa. Se pensate di vivere in camper da nomadi digitali avrete di sicuro la necessità di acquistare Sim e abbonamenti in loco per usufruire di maggiore traffico Internet per lavorare. A noi per il momento va bene così, sfruttando molto anche le biblioteche per il nostro lavoro. Ma dipende dal tipo di attività che pensate di svolgere vivendo in Italia o all’estero.

Andamento grafico delle spese dal 2013 al 2018 – FAI CLICK PER INGRANDIRE

Altre spese personali da valutare…

Le voci di spesa che seguono sono forse le più personali e variabili. Dipendono molto dalla vostra personalità, del vostro spirito di adattamento e dallo stile di vita che avete deciso di seguire. Le inseriamo sicuramente nel nostro report perchè sono per noi voci di spesa obbligate per calcolare il nostro personale budget annuale. Eccole, in ordine di importanza

Stiamo parlando di dentifrici, filo interdentale, lamette da barba, fazzoletti, bagnoschiuma, carta igienica, e poco altro. La variazione percentuale di spesa è pari al +3,5% ( …dai sempre in linea con gli anni passati )
La voce “bellezza” include qualche crema viso, doposole o protettiva, dopobarba, profumo, deodoranti e qualche taglio di capelli per Amelie. La variazione percentuale di spesa è stata pari al -35,4%

+244,3% la variazione di spesa ! Che cavolo è successo ? Semplicemente il nostro budget annuale ( lo vedrete nel prospetto finale ) ce lo consentiva. Avere un buon budget-planning ci consente di fare previsioni a lungo termine e pianificare eventuali acquisti, oltre a gestire al meglio il nostro capitale.

Come indicazione per i futuri fulltimers possiamo dire che il nostro stile di vita e le condizioni climatiche che cerchiamo ci consentono in generale di risparmiare molto sull’abbigliamento. Nella maggior parte dei casi viviamo in T-shirt e pantaloncini e al massimo indossiamo un paio di ciabatte infradito. Nessuna camicia da stirare o giacche di rappresentanza da acquistare.

Quante T-Shirt avete comprato nella vostra vita ? Io tantissime e mi basteranno per 10 vite. Di che altro avete bisogno ? Giacca, cravatta, gonna in pendant con le scarpe ? Lasciate perdere

Andamento grafico delle spese dal 2013 al 2018 – FAI CLICK PER INGRANDIRE
Anche in questo caso tutto dipende dallo stile di vita che volete impostare o che potete permettervi. Noi, nonostante le innumerevoli tentazioni abbiamo scelto di vivere e di viaggiare ma non di fare i turisti. Non possiamo essere turisti. Non possiamo visitare tutte le attrazioni, i musei, i monumenti, gli spettacoli che giorno dopo giorno incontriamo. Non siamo in giro per un weekend di follia o una settimana di vacanza.

La maggior parte dei nostri amici e di coloro che incontriamo OnTHERoad ci chiede da quanto tempo stiamo viaggiando. Noi rispondiamo sempre che in realtà stiamo vivendo. Non stiamo facendo i turisti, non ci siamo presi un periodo sabbatico per esplorare il mondo.

Dunque, nostro malgrado, nonostante siamo in continuo movimento, dobbiamo selezionare nel corso dell’anno le visite turistiche tipiche di chi va in vacanza per qualche settimana. Provate a confrontare la spesa media di una “normale” vacanza estiva di qualche settimana con il budget che vi stiamo presentando e capirete che i fulltimers non appartengono alla categoria del classico turista “mordi e fuggi” E in effetti la variazione di spesa rispecchia quanto detto: -5,9% rispetto al 2017

Andamento grafico delle spese dal 2013 al 2018 – FAI CLICK PER INGRANDIRE

A proposito di salute

Come avete visto non abbiamo voluto toccare il tasto salute. Anche la persona più sana di questo mondo avrà a che fare con visite mediche, ospedali ( magari per controlli annuali ), farmaci o altro. Anche qui dovete considerare un aumento dei costi nel corso degli anni ( è inevitabile ) legati al vostro stato di salute, patologie più o meno croniche da curare o interventi non previsti a cui sottoporsi. E la vita e non possiamo farci nulla.

E questa una voce importante e assolutamente non trascurabile nella vita di ognuno di noi. Ed è per questo che abbiamo deciso volutamente di non inserirla nel consuntivo che vi abbiamo presentato. Vogliamo fare una considerazione, però. Le spese mediche ordinarie che sostenete a casa e fanno parte del vostro budget annuale sono le stesse che avrete vivendo in camper.

Noi pianifichiamo e sincronizziamo tutte le visite mediche di controllo e dunque mutuabili, incastrandole nel mese di agosto quando normalmente siamo in Italia. E così mentre gli italiani sono in vacanza a godersi il sole noi giriamo per ospedali deserti in attesa di essere visitati !

Abbiamo sottoscritto una piccola ma fin’ora efficiente assicurazione sanitaria che possa in qualche modo ammortizzare i costi sostenuti all’estero per eventuali cure impreviste. Ricordate che finchè viaggiate allinterno dell’Unione Europea avete anche diritto a visite mutuabili e rimborsi per spese sostenute fuori dai confini Italiani.

Mancano delle voci ?

La risposta è si. Non abbiamo voluto parlare di altre due categorie di spesa che ovviamente incidono sul nostro stile di vita e che ancora una volta possono essere incluse od omesse nel budget di un fulltimer.

  • SPORT & TEMPO LIBERO
    Praticate sport costosi ? Avete qualche passione sportiva a cui non potete rinunciare ? Cambiate attrezzatura ogni anno ? Dovete mettere in conto questa voce di spesa, perchè inciderà molto sul vostro budget da fulltimer. A noi piace correre in bicicletta e a piedi…la mia bicicletta ha 18 anni forse la cambierò quest’anno…L’anno scorso abbiamo acquistato due paia di scarpe da corsa per sostituire quelle logore…

  • ELETTRONICA

    Questa è per noi una voce di spesa importante, legata al nostro lavoro da nomadi digitali e anche alle nostre passioni personali legate al video e alla fotografia. Non abbiamo ancora un’attrezzatura adeguata allo scopo ma ogni anno implementiamo il nostro “arsenale” con nuovi accessori ( nel 2018 è arrivato finalmente il drone che tanto sognavo…Ne approfittiamo per mostrarvi il nostro primo video del 2019 e vi invito a visitare il nostro canale Youtube con idee e suggerimenti per la vostra vita da futuri fulltimers !



656€ al mese in due vi sembrano troppi ?

Che dire…se confrontate il nostro articolo del 2017: Vivere in camper: scopri quanto abbiamo speso nel 2017 scoprirete che quest’anno nonostante tutte le variabili e gli imprevisti abbiamo speso praticamente la STESSA CIFRA ! 656.25€/mese in due ( 328.13€/mese a testa )

Intanto ci teniamo a dire che queste cifre sono esatte al centesimo. Teniamo traccia di ogni minima voce di spesa e gestiamo il tutto su un complesso foglio di calcolo Excel con il quale pianifichiamo il nostro budget annuale. Ancora una volta ribadiamo il fatto che a questa cifra dovrete aggiungere il costo per le vostre Spese sanitarie, Sport e Tempo Libero, Elettronica ed eventuali Extra che non abbiamo conteggiato e che magari vi riguardano.

E adesso giudicate voi. Provate a confrontare il vostro stile di vita attuale, le vostre spese, le bollette, i contratti, i mutui da pagare, gli affitti e qualunque altra spesa voi abbiate. Pensateci. Il gioco vale la candela ? Non sta a noi dirlo, ma per quanto ci riguarda il gioco vale la candela e siamo qui a testimoniarlo. Buona Vita a tutti ….da Pier e Amelie e …Buon 2019

I nostri articoli precedenti:

Ultime considerazioni

Se volete cambiare vita e diventare fulltimers dovete valutare bene l’acquisto della vostra nuova casa su ruote. Ovviamente se partite con un mezzo nuovo di zecca le probabilità di guasti sono molto ridotte rispetto ad un vecchio camper da 4000€ e con molti chilometri sulle spalle. Da qui l’incidenza della manutenzione annuale che abbiamo illustrato in precedenza e in proporzione il costo di vita mensile che ne deriva.

E poi dovete considerare alcune voci importanti legate al vostro stile di vita, alle vostre personali condizioni economiche e di salute, ai vostri interessi ed esigenze personali. Cosa e come vi piace mangiare ? Che tipo di sport praticate ? Avete hobbies costosi ? Amate uscire la sera con gli amici ? Cominciate da qui e fate un conto del vostro attuale tenore di vita. Potete permettervi di mantenerlo oppure siete disposti davvero a “scalare una marcia”?


E tu quanto spendi per vivere ?
Cosa ne pensi di questo articolo ?

Se vuoi aggiungere qualcosa, darci dei consigli o far sentire la tuo opinione o esperienza in proposito ti invitiamo a scriverci e a confrontarti con noi. Puoi lasciare un commento nel box che trovi qui sotto e se l’articolo ti è piaciuto ti chiediamo di condividerlo con i tuoi amici attraverso i social media.

La sezione commenti sul nostro blog è molto importante per noi ed è il posto perfetto per fare domande, dire cosa ti piace e cosa non ti piace, se manca qualcosa oppure raccontare le tue esperienze e le tue emozioni. Aspettiamo con ansia il tuo contributo !

14 Responses

  1. Peppe
    | Reply

    Buongiorno
    Molto interessante. Ottima idea dare questo tipo di informazioni sulla vostra esperienza. Vi ringrazio

    • Pier Galliano
      | Reply

      Grazie mille Peppe. Cerchiamo di farlo ogni anno, speriamo di essere utili ai nuovi fulltimers o a chi vorrebbe cambiare vita e cerca informazioni in proposito…

  2. nicola
    | Reply

    Ciao , un ottimo quadro e ben dettagliato , come giustamente sono spese riflettendo le vostre scelte di vita.
    Mi ricordo che il 1 anno siete stati a Capo Nord un po’ forse l’emozione della nuova vita, leggevo, che avevate speso molto , puo’ essere che, chi desidera questa vita ,per i primi tempi sono un misto tra lunga vacanza e vita da fulltimer e qualche spesa puo’ sforare finche’ non si entra ben nella mentalita’ nuova.
    Comunque complimenti 656 Euro al mese e’ una buona gestione , vi seguo sempre , forse se Dio vuole l’anno prossimo comprero’ anche io un camper per fare parte di questa nuova meravigliosa vita.
    Quando ripartite ?
    Ciao Nicola

    • Pier Galliano
      | Reply

      Ciao Nicola. In effetti hai ragione…il primo anno è stata la scelta di andare a Capo Nord a d incidere sul nostro bilancio. Ma avevamo tanta voglia di vivere e viaggiare e volevamo realizzare in pieno il nostro sogno. Non ti nascondo però che stiamo pensando di rifare l’esperienza, magari con più moderazione rispetto alla prima volta. Adesso siamo in Liguria, ma contiamo di riprendere la rotta mooooolto presto. Continua a seguirci…un abbraccio da Pier e Amelie !

  3. Paola
    | Reply

    Bravissimi! Grazie, molto utile per la mia prossima scelta di vivere da fulltimer.

    • Pier Galliano
      | Reply

      Brava Paola. Un’altra fulltimers si aggiunge alla nutrita schiera…siamo sempre di più a quanto pare. Ci auguriamo davvero di aiutare molti a prendere questa fatidica e felice scelta di vita. A presto allora…On The Road…pS: scrivici quando parti !!!!

  4. Sonia
    | Reply

    Siete troppo forti..vi ammiro immensamente.vorrei farlo anch’io.speriamo che non rimanga un sogno nel cassetto.ancora sono troppo utile dove sto grazie cmq.vi seguo con piacere.mi si apre la mente ed il cuore.nel leggervi

    • Pier Galliano
      | Reply

      Grazie Sonia. I commenti come il tuo danno un senso a quello che stiamo facendo. Ci auguriamo che presto il tuo sogno si possa avverare. Non ci stancheremo mai di ripeterlo…per noi questa vita non ha prezzo. Un abbraccio e…Buona Vita

  5. Diego
    | Reply

    GRAZIEeee!
    Siete x me e penso x Molti una Boccata d’Ossigeno👍
    Con i Splendidi luoghi che Condividete
    Vi seguo sempre un Abbraccio
    CIAO Diego

    • Pier Galliano
      | Reply

      Grazie mille Diego. Uno stimolo ulteriore per continuare a raccontare e condividere le nostre impressioni su questo blog. Buona Vita.

  6. Laura
    | Reply

    Complimenti ragazzi.
    Grazie ai vostri articoli lo scorso anno abbiamo sperimentato la vita da semi/fulltimers per 4 mesi viaggiando tra Francia e Spagna spesso fermandoci in luoghi da voi segnalati. Per questo vi ringraziamo 2 volte: per averci ispirato e per le preziose informazioni. Speriamo vivamente di incontrarvi in giro per l’Europa. Un caloroso saluto.

    • Pier Galliano
      | Reply

      Grazie Laura. Ci fa davvero piacere che i nostri consigli/suggerimenti sono stati utili e fonte di ispirazione. Vi ringraziamo per le belle parole e ci auguriamo davvero di incontrarvi presto ontheroad, come fulltimers ! Buona Vita !

  7. Teo
    | Reply

    Colgo l’occasione, per augurare a voi e a tutti quelli che vi seguono un felice 2019, anche se in molti non possiamo o forse non vogliamo vivere appieno il nostro sogno, sono convinto che il solo sognare di vivere liberi ed in pace con il mondo ci renda persone migliori nel nostro quotidiano.
    Grazie di quando condividete con noi.
    Teo

    • Pier Galliano
      | Reply

      Grazie Teo per le tue parole. Ci auguriamo che i tuoi sogni si possano avverare presto. Un abbraccio e…Buona Vita !

Leave a Reply

Translate »