Tutti i valichi di frontiera per raggiungere la Francia in camper

Tutti i valichi di frontiera per raggiungere la Francia in camper

with 6 Comments

Quali sono le migliori strade per raggiungere la Francia partendo dal confine Italiano ? Quali valichi si possono attraversare d’inverno e quali sono i più difficili per il transito con un camper di medie/grandi dimensioni ? In questo articolo vi proponiamo una panoramica completa di tutte le strade di frontiera, oltre agli itinerari percorsi da noi a bordo del nostro mansardato McLouis Tandy 640

Al confine con la LIGURIA

Il confine tra l’Italia e la Francia segue la catena alpina misurando circa 515 chilometri. Interessa ben tre regioni: Liguria, Piemonte e Valle d’Aosta. Non tutti i valichi di frontiera sono percorribili con un camper e inoltre ci sono limitazioni stagionali da tener ben presente.

Partendo da Ovest, seguendo la costa mediterranea, si attraversano le frontiere più vicine al mare e anche i valici più semplici per raggiungere la Francia. La direttrice più veloce è ovviamente l’autostrada A10 nota come l’Autostrada dei Fiori che collega Genova a Ventimiglia e prosegue in Francia con il nome di Autoroute A8. Abbiamo sempre evitato questo tratto autostradale per via degli elevati costi di pedaggio. 

Due valichi stradali lungo la costa consentono di raggiungere la Francia, nei pressi del comune di Mentone ( la sosta libera in camper presso la vecchia dogana NON E’ PIU’ POSSIBILE ) | Entrambi sono situati lungo la strada statale 1, percorrendo la Via Aurelia oppure la variante in direzione dei Balzi Rossi. Abbiamo percorso molte volte queste strade, purtroppo sempre molto trafficate e non sempre agevoli negli attraversamenti dei centri urbani.

Se avete tempo e voglia vi viaggiare lungo queste strade statali, vi consigliamo alcuni itinerari di cui abbiamo già scritto in passato:

Da Ventimiglia è possibile percorrere verso nord la strada statale 20 in direzione del Colle di Tenda che prosegue in territorio francese con la denominazione di RD6204. Nei pressi dell’abitato di San Michele, con una curva a gomito potete imboccare la strada per il valico situato poco dopo il piccolo borgo di Olivetta San Michele. Siamo passati anche da qui, per raggiungere Sospel e lo spettacolare Parco Nazionale del Mercantour

Un secondo valico raggiunge invece l’abitato di Breil-sur-Roya per costeggiare il lato orientale del Parco Nazionale del Mercantour fino a raggiungere il Col di Tenda oppure ricongiungersi con il comune di Sospel.

Al confine con il PIEMONTE

Dal Piemonte la via più breve per raggiungere la Costa Azzurra passa attraverso il traforo del Colle di Tenda, collegamento molto utilizzato poichè gratuito ( al momento ) All’epoca della sua inaugurazione, avvenuta nel 1882, era il tunnel stradale più lungo mai costruito, con una lunghezza notevole per l’epoca , di ben 3.182 metri !

Il traffico attraverso il tunnel non è molto scorrevole poichè utilizza una sola galleria per entrambi i sensi di marcia. Sono in corso lavori di ammodernamento che si protrarranno fino al 2020 ( e oltre… ? ) per aggiungere una seconda galleria e garantire un traffico più scorrevole su questo importante tratto stradale. Di norma il traforo è percorribile tutto l’anno vista l’altitudine delle due imboccature: 1321m sul versante italiano e 1280m sul versante francese.

Il Colle della Lombarda

E’ questo un valico alpino che non si può fare durante la stagione invernale poichè raggiunge quota 2350m  e la strada viene chiusa per neve. Il passo è fattibile non soltanto da furgonati ma anche da motorhomes, con le dovute cautele. L’ascesa al colle costituisce una delle più suggestive salite delle Alpi. La salita dal lato italiano è lunga 21.7 km con una pendenza media del 6.8% ed una massima del 14%

Sul versante italiano si incontra il Santuario di Sant’Anna, il santuario più elevato d’Europa. Nel versante francese si trova la stazione sciistica di Isola 2000. Dal colle si può raggiungere la vicina Cima della Lombarda. Non abbiamo mai percorso questo itinerario ma ci ripromettiamo di tentarlo prossimamente.

Il Colle della Maddalena

Per giungere al Colle della Maddalena si attraversa la meravigliosa Valle Stura che si sviluppa per circa 60 chilometri  lungo il fiume Stura di Demonte, partendo dall’abitato di Borgo San Dalmazzo. E’ un’itinerario che abbiamo percorso e che vi consigliamo per entrare facilmente in Francia, raggiungendo dalla parte opposta la  Valle dell’Ubaye nelle Alpi dell’Alta Provenza. 

Il colle è situato ad una altezza di 1996m ed è sempre aperto, salvo in caso di chiusure temporanee dovute al pericolo valanghe. Ricordate di verificare sempre le condizioni stradali e le eventuali chiusure per neve. Trovate maggiori indicazioni sul nostro itinerario in questo post: 

In camper lungo la Valle Stura fino al Colle della Maddalena

Il Colle dell’Agnello

Si tratta del terzo valico alpino più alto d’Europa, con i suoi 2748m di altitudine. Dal versante italiano presenta negli ultimi 10km una pendenza media del 10% con punte superiori al 14%. E’ percorribile in camper soltanto in tarda primavera e fino a metà autunno ( tradizionalmente la strada viene chiusa il terzo weekend di ottobre

Il Colle dell’Agnello ha visto il passaggio di diverse tappe del Giro d’Italia e dal Tour de France. L’ambiente severo e desolato, sovrastato dal Monviso, ne fa una delle più dure strade alpine con una carreggiata che costeggia sovente tanto dirupi quanto roccia nuda. Meno duro il versante francese. Dal valico si gode di un’ottima visuale sia sul versante settentrionale francese del parco del Queyras che sul lato occidentale del Monviso

 

Il Colle del Monginevro

Il valico è situato ad un’altitudine di 1.854m sul livello del mare, collegando la Valle di Susa con Briançon e la valle della Durance. Da Cesana Torinese la SS24 ( Strada Statale 24 ) sale rapidamente in poco più di 8km fino a quota 1854m, con strappi del 9% fino al Colle del Monginevro.

D’inverno il Monginevro è una frequentata località sciistica, e la strada SS24 è aperta tutto l’anno sia sul versante italiano che su quello francese. Abbiamo percorso questo itinerario in passato e per maggiori informazioni vi consigliamo di leggere il nostro articolo:

Il Parco Naturale del Vercors: consigli per la sosta libera in camper

Il Colle della Scala

Con un’altezza di 1.762 m, è il più basso valico stradale che congiunge l’Italia con la Francia lungo tutta la catena delle Alpi Occidentali. Non è molto praticato dai camperisti sia per motivi di altezza ( una galleria impone Max 3m ), sia per la carreggiata e soprattutto i tornanti molto stretti. E’ una strada impegnativa adatta principalmente a mezzi di piccole dimensioni.

Chiusura invernale da ottobre a maggio

Il Traforo del Frejus

ll traforo stradale del Frejus è una galleria a pedaggio che collega l’Italia con la Francia. Il costo davvero elevato ( attualmente circa 60€ per il solo tratto dall’Italia ! ) giustifica il passaggio soltanto se si decide di raggiungere comodamente la Francia nei mesi invernali o se si ha terribilmente fretta.

Il tunnel è posto sotto il monte Frejus e collega la città di Modane in Francia con Bardonecchia in Italia. Costituisce uno dei principali collegamenti transalpini fra Francia e Italia.

Il Colle del Moncenisio 

Il colle del Moncenisio, a quota 2083 metri, collega la val di Susa, in provincia di Torino, con la valle dell’Arc, in Haute Maurienne, regione della Savoia. Poco prima di salire al Colle si incontra il grandioso Lago artificiale del Moncenisio, intorno al quale si trovano i resti di diverse fortificazioni militari. Le più importanti di queste sono il Forte Varisello e il Forte Roncia.

E’ possibile fare sosta libera in posizione meravigliosa vista lago ( GPS: 45.245135, 6.931326 ), con acqua e bagni pubblici presso la Chiesa “Piramide”. Qui è possibile visitare anche il giardino botanico che ospita specie naturali di grande interesse e bellezza. La salita al Colle dal versante italiano è piuttosto ripida, più dolce la discesa verso il versante francese.

Chiusura invernale: novembre – maggio

Il Colle del Piccolo Sanbernardo (Aosta)

Il colle del Piccolo San Bernardo, 2188 m, è un valico che collega la valle di La Thuile, in valle d’Aosta, con la val d’Isère. Si percorre piuttosto facilmente soprattutto dal versante francese mentre da quello italiano si raggiunge una pendenza massima dell’8.2%

La sosta libera al colle è sempre tollerata e consente tra l’altro di praticare escursioni verso lo splendido lago di Verney o la salita alla  vetta del Lancebranlette (circa tre ore), che offre un punto di vista originale della vetta del Monte Bianco.

La chiusura invernale del Colle è prevista di solito nel periodo novembre-giugno. Come sempre consigliamo di prendere tutte le informazioni del caso prima di mettersi in cammino verso valichi invernali.

Sosta libera al Colle del Piccolo Sanbernardo

Il Traforo del Monte Bianco

Ultimo passaggio a nord tra l’Italia e la Francia, il tunnel collega Courmayeur, in Valle d’Aosta, a Chamonix, nel dipartimento francese dell’Alta Savoia. Con la sua lunghezza di 11,6 km è stato per lungo tempo il traforo autostradale più lungo al mondo. L’altitudine è di 1.381 m sul versante italiano, ai piedi del ghiacciaio della Brenva, per scendere poi ai 1.271 m sul versante francese, ai piedi del ghiacciaio dei Bossons.

Anche questo traforo come quello del Frejus è a pagamento e di sicuro non rappresenta una soluzione economica per raggiungere la Francia.  Il sistema tariffario del tunnel è piuttosto articolato a seconda del tipo di veicolo e di passaggio e per avere un quadro completo delle tariffe vi invitiamo a visitare il sito www.tunnelmb.net, e per maggiori informazioni contattare la Geie-TMB al Piazzale Sud a Courmayeur, tel. 0165 890411, o alla Plateforme Nord, tel. 0033/4/50555500 )

Cosa ne pensi di questo post ?
E’ stato utile ?

Quale strada preferisci utilizzare per raggiungere la Francia ? Hai utilizzato qualcuno di questi valichi e vuoi dire la tua in proposito ?Sei stato anche tu da queste parti e vuoi segnalare qualcosa di utile ai nostri lettori ? Qualcosa è cambiato nel frattempo oppure hai riscontrato degli errori o delle imprecisioni ?

Puoi lasciare un commento nel box che trovi qui sotto e se l’articolo ti è piaciuto ti chiediamo di condividerlo con i tuoi amici attraverso i social media.

La sezione commenti sul nostro blog è molto importante per noi ed è il posto perfetto per fare domande, dire cosa ti piace e cosa non ti piace, se manca qualcosa oppure raccontare le tue esperienze e le tue emozioni. Aspettiamo con ansia il vostro contributo !

6 Responses

  1. Guido Cavallari
    | Reply

    Il Moncenisio chiude in inverno. Grazie delle invio

    • Pier Galliano
      | Reply

      Grazie per la segnalazione Guido. Aggiornto il post con le tue indicazioni.

  2. CarloK13
    | Reply

    Io per andare in Francia utilizzo sempre il passaggio per la Svizzera ( almeno negli ultimi anni) :La parte della Francia che frequento maggiormente è quella del nord: Alsazia , Normandia e Bretagna. Zone di grande libertà ( se si è rispettosi ed educati), aree di sosta quasi sempre gratuite ed anche nei più piccoli borghi ,si trova sempre un posto con acqua e scarico.. .Io possiedo un camper poco pesante , piccolo ed agile. L’attravresamento dall’ Italia , via Chiasso ( con la vignette per tutte le autostrade -molto economica), tunnel del Gottardo , direzione Basilea ed entrata in Francia nei pressi di Saint-Louis, e prima sosta in Francia alla “porte de Alsace – Chavannes-sur Etang”. area di sosta famosa ( si paga solo la notte -7 euro-) completa di bagni e corrente gratis . Buon viaggio !

    • Pier Galliano
      | Reply

      Grazie per le tue preziose informazioni. Buona Vita e Buona Strada

  3. Nives
    | Reply

    Grazie ragazzi,
    Le vostre informazioni sono sempre preziose!
    Siamo due amanti spassionati della Francia e ci andiamo praticamente tutti gli anni anche d’inverno. Finora in dicembre noi abbiamo fatto la classica costa con autostrada dei fiori, appunto carissima oppure il colle Tenda con il tunnel, fino a dicembre 2017 gratis appunto.
    Si risparmia la metà per l’autosdrada, o forse anche di più!
    Quest’anno proveremo a fare in dicembre il Colle della Maddalena, fantastico d’estate e penso molto suggestivo anche d’inverno. Il vostro articolo mi ha confermato che resta aperto.
    Complimenti per il vostro impegno e la vostra passione!
    Un abbraccio telematico e buona strada!

    • Pier Galliano
      | Reply

      Ciao Nives,
      grazie per i complimenti. Ricordatevi sempre di verificare le condizioni delle strade soprattutto dei valichi importanti come questo.
      A proposito…vedo che il Colle della Maddalena è stato riaperto in questi giorni dopo pesanti nevicate.

      LA STAMPA DI CUNEO: È stato riaperto al traffico il colle della Maddalena: la strada statale 21 che collega le valli Stura e Ubaje era interrotta per il pericolo valanghe dopo la nevicata dalla scorsa settimana. Ad annunciarlo è l’Anas che ha provveduto a liberare la carreggiata dalla neve. Lo stop alla circolazione era tra Argentera e il confine di Stato.

Leave a Reply

Translate »