Sosta libera lungo la costa selvaggia di Cabo Cope

with 6 Comments

AVVERTENZA | Avevamo scritto questo post nel febbraio del 2016. A distanza di un anno le cose sono molto cambiate, sicuramente a causa dell’incremento esponenziale dei camperisti che trascorrono l’inverno in Spagna. Abbiamo più volte fatto notare che il numero dei mezzi sul territorio è più che triplicato nella maggior parte delle soste visitate. Di seguito troverete tutti gli aggiornamenti sulla possibilità di sosta libera

Il parco naturale di Cabo Cope inizia ufficialmente nei pressi di Calnegre, niente di più che quattro case sparpagliate sul mare lungo la Costa Calida nella regione di Murcia. Siamo ormai all’estremità più meridionale della costa, a pochi passi da Aguilas, altro paradiso per fulltimers, di cui abbiamo parlato in questo post.

Cartina del territorio nel Parco Naturale di Cabo Cope

Cominciamo subito con segnalarvi alcune possibili soste a pagamento utili per fare un carico d’acqua prima di entrare all’interno del parco, dove non avrete possibilità alcuna di fare rifornimenti. 

La meno costosa è sicuramente il Taray Camper Park che al prezzo di 6€/day consente la sosta e lo scarico. Niente di più di un ampio parcheggio recintato a pochi passi dal mare, ma comunque molto frequentato. L’acqua potabile è a pagamento ( 10cent. ogni 10lt. ); è possibile anche solo caricare/scaricare al prezzo di 3€ ( lasciate le monete nel cassettino, non fate i furbi…) | NON E’ PIU’ POSSIBILE fare solo camper service, ma occorre sostare almeno una notte !

Fulltimer con camion sulla spiaggia di Cabo Cope

La sosta notturna è tollerata anche sulla spiaggia ( GPS: 37.51658N, -1.39714W ), quasi di fronte all’area di sosta ( in Italia sarebbe impensabile… ) | Di fronte all’area, sulla spiaggia “qualcuno” ha buttato molti sassi che di fatto impediscono di fermarsi con il camper. Ci sono ancora spazi aperti in prossimità, ma non garantiamo sulla possibilità di fermarsi per la notte !

Da segnalare in zona due aree di sosta. La prima piuttosto “agreste” e alla buona ( GPS: 37.51179N, -1.41198W )  Il proprietario è molto gentile e disponibile. Il prezzo nel 2013 era di 9€ ( carico/scarico e corrente ). La seconda area si trova più all’interno, a 3.5 km dal mare, lungo la D-21 e ve ne parliamo solo per sconsigliarvi il pernotto, vista l’antipatia della gestione. Si tratta di un’enclave tedesca che malvolentieri ( e si vede ) accoglie clienti di altre nazionalità.

Ma passiamo adesso alle soste più interessanti della zona. Da Calnegre, seguite il cartello che indica l’ingresso al parco naturale di Cabo Cope, percorrendo una strada sterrata ma ben battuta che vi condurrà, dopo circa un chilometro alla splendida Playa de Calnegre ( GPS: 37.507007N, -1.41731W )Avviso ai naviganti: verificate con attenzione le condizioni della strada e del vostro mezzo. Questa sosta è fattibile per camperisti esperti e mezzi non troppo pesanti. La discesa alla spiaggia è ripida e la risalita potrebbe creare qualche problema di trazione.

E’ possibile proseguire lungo la strada sterrata che attraversa il parco, ma lo consigliamo soltanto a mezzi 4×4, pickup con cellula o al limite furgonati leggeri. Ci sono altre spiagge che si possono scoprire più avanti, ma con un camper e meglio desistere.

Aggiriamo l’ostacolo percorrendo la D21 in direzione nord verso l’Autopista del Mediterraneo, per immetterci poi sulla D20 che costeggia tortuosa il parco. La strada è larga e in ottime condizioni e dall’alto offre splendidi scorci sul mare. Nei pressi del piccolo villaggio di El Cantal, prendete il bivio che conduce al mare e vi troverete in uno dei più bei “spot” per la sosta libera della regione ( GPS: 37.482374N, -1.462953W| Anche questo meraviglioso spot è stato chiuso, cintato con una serie di pali in legno a protezione del promontorio. Anche lo spazio antistante, asfaltato non consente la sosta ai camper, vuoi per lo spazio esiguo vuoi per il cartello di divieto in bella mostra.

Adagiato sul promontorio, con una splendida vista mare e con numerose spiagge e calette deserte. Cosa desiderare di più ? Per giunta poco affollato anche dai più accaniti fulltimers europei. Davvero un colpo al cuore per noi e una sosta a cinque stelle da non perdere | QUESTA SOSTA E’ STATA VIETATA !

Le grotte scavate nella roccia di Cabo Cope

Ma il nostro “report” non finisce qui e abbiamo ancora qualche asso nella manica da mostrarvi ( così scrivevamo un anno fa…) | …Da qui il sentiero della costa vi consentirà di effettuare una bella escursione verso nord, per ammirare la costa più selvaggia e frastagliata. Noi abbiamo percorso in MTB ( Mountain Bike ) anche la strada sterrata ( ma ben battuta ) del parco verso sud fino al piccolo abitato di Calabardina, deserto i n questa stagione.

Poco prima del paese, numerose spiagge accolgono i fulltimers. La più affollata si trova qui ( GPS: 37.453269N, -1.481296W ), direttamente sulla spiaggia, a ridosso delle grandi coltivazioni di questa regione. Potete scegliere di stare sulla battigia oppure più al riparo dal vento tra i bassi arbusti selvatici che delimitano ideali piazzole per i camper | Ad oggi ( Febbraio 2017 ) questa sosta risulta ancora accessibile ma non sappiamo per quanto, visto il nascere di due nuove aree poco distante e la chiusura di molti accessi alle spiagge, sempre con pali in legno di protezione.

Poco oltre altre spiagge meno frequentate sono a vostra completa disposizione. Nascoste rispetto alla strada e dunque più isolate. La prima la trovate qui ( GPS: 37.449266N, -1.482261W ) | Anche qui pali in legno bloccano l’accesso alla spiaggia !

La Playa del Sombrerico, si trova poco più avanti ( GPS: 37.446437N, -1.482756W ) | Anche qui pali in legno bloccano l’accesso alla spiaggia !

Sosta libera sulla spiaggia a Cabo Cope
Dimentichiamoci questa sosta libera sulla spiaggia a Cabo Cope !

Aggiornamento 2017:
Nel frattempo sono sorte due nuove aree di sosta a pagamento, sicuramente meno allettanti ma ugualmente già al completo. Questo è un business che esploderà in Spagna nei prossimi anni visto l’incremento di camperisti di cui parlavamo all’inizio dell’articolo.

Le segnaliamo per dovere di cronaca, anche se si trovano ai margini del Parco Naturale. La prima si chiama TortugaMora Camper Park e ospita 28 mezzi in totale ( GPS: 37.447697N, -1.48407W ) | Al momento in cui scriviamo è ancora in fase di sistemazione e manca di qualche autorizzazione ( così ci dice il simpatico titolare ) ma tutto sarà pronto per Pasqua 2017 | L’area è spartana, ma dotata di tutti  i servizi ( wifi, lavatrici e asciugatrici, elettricità, docce calde e ristorante ciringuito sulla spiaggia ) Chiedete al proprietario le tariffe “non ufficiali” per lunga permanenza, poichè i prezzi “ufficiali” sono piuttosto cari, sproporzionati alla tipologia di area.

La seconda area per ora è in realtà un semplice parcheggio fronte mare sulla strada che porta ad Aguilas, e per questo richiede “solo” 5€ per la sosta con carico di acqua compreso ( non abbiamo però potuto parlare con il titolare…) | Si trova subito dopo l’abitato di Calabardina ( GPS: 37.432565N, -1.515625W ) e anche in questo caso la sosta sull’ampio e deserto litorale antistante è stata bandita !

Insomma, non c’è che l’imbarazzo della scelta qui nel parco naturale di Cabo Cope che merita sicuramente una sosta per godere di questa meravigliosa e selvaggia Costa Calida. E da qui si prosegue verso Aguilas con altre soste stupende di cui vi parleremo in un prossimo post. Buona Vita e Buona Strada !


Avvertenza

Le cose cambiano nel tempo: le soste gratuite diventano a pagamento, i prezzi aumentano, le aree di sosta cambiano gestione o chiudono, la qualità dei servizi migliora o diventa più scadente. I parcheggi in cui fermarsi con il camper ( le cosiddette soste “tollerate” ) vengono banditi dai comuni. Ci sono periodi dell’anno ( normalmente in alta stagione ) in cui non è possibile fermarsi in sosta libera in alcune delle località descritte.

Cosa ne pensi di questo post ? E’ stato utile ?

Sei stato anche tu da queste parti e vuoi segnalare qualcosa di utile ai nostri lettori ? Qualcosa è cambiato nel frattempo oppure hai riscontrato degli errori o delle imprecisioni ?

Puoi lasciare un commento nel box che trovi qui sotto e se l’articolo ti è piaciuto ti chiediamo di condividerlo con i tuoi amici attraverso i social media.

La sezione commenti sul nostro blog è molto importante per noi ed è il posto perfetto per fare domande, dire cosa ti piace e cosa non ti piace, se manca qualcosa oppure raccontare le tue esperienze e le tue emozioni. Aspettiamo con ansia il vostro contributo !

…Buona Vita da Pier e Amelie

6 Responses

  1. ezio
    | Reply

    1000 grazie per i Vs bellissimi report.
    Vi seguiamo con piacere in attesa di poterci unire al mondo dei Fulltimers.
    I vostri servizi non fanno che convincerci sempre più.
    Complimenti ancora !
    Ezio & Sarita

    • Pier Galliano
      | Reply

      Grazie e a voi ragazzi e continuate a seguirci. Speriamo sempre di fornire un servizio utile per tutti i futuri Fulltimers !

  2. stefi&dani
    | Reply

    bravi molto bravi e dettagliati siamo stefano e daniela stiamo per percorrere anche la via dei fulltimers

    • Pier Galliano
      | Reply

      Grazie amici. Fateci sapere di più su di voi. Magari con una mail in privato. Buona Strada !

  3. Simona Di Maio
    | Reply

    Sono in zona proprio adesso e si, confermo che molti luoghi sono banditi per noi!
    Io ho trascorso una piacevolissima giornata alla plaua del Arroz (circa 1 e 1/2 a sud del paese), dove però non si può campeggiare, così per la notte mi sono spostata alla prima spiaggia adiacente Calabardina (risalendo), proprio vicino al mare.
    È passata un paio di volte la polizia e non mi ha detto nulla. È anche vero che camper e furgoni, da questa parti, ne ho visti pochi. Solo di passaggio o per una breve pausa. Forse proprio per via dei numerosi divieti….

    • Pier Galliano
      | Reply

      Pensa Simona che solo due anni fa qui sostavano centinaia di mezzi in riva al mare… io penso che le municipalità dovrebbero cominciare a regolamentare meglio la sosta libera invece che bandire definitivamente i camperisti che, almeno d’inverno sono anche una risorsa economica per molte località turistiche deserte in bassa stagione…

Leave a Reply

Translate »