Saint-Martin-Vésubie porta del Parco Nazionale del Mercantour

with No Comments
Giorni trascorsi in camper: 1146
Dal Col de Turini a Saint-Martin-Vesubie: 30 chilometri percorsi

Come previsto, la strada che scende dal Col de Turini è ripida e tortuosa. Percorriamo lentamente i numerosi tornanti sempre in seconda, per evitare di surriscaldare i freni. Il traffico, nonostante il mese di luglio è davvero ridotto e non ci crea problemi. Transitiamo senza fermarci presso il villaggio di La Bollène-Vésubie che ci è sembrato carino e piuttosto vivace. Trovate un parcheggio segnalato lungo la strada dove è possibile sostare in camper.

Ancora qualche tornante e poi ci ritroviamo sulla D2565, che ci conduce in pochi chilometri a Roquebillière, famosa per le sue terme. Il paese non ci sembra particolarmente interessante e non troviamo posto per sostare. Proseguiamo così verso Saint-Martin-Vésubie ( 928 mt. ) , delizioso paesino e punto di ingresso per il Parco Nazionale del Mercantour. Il giorno seguente ci dirigiamo in mountain bike verso il lago di Boreon che si raggiunge percorrendo circa 12 km di salita, piuttosto impegnativa negli ultimi tratti. La località ospita un interessante riserva dedicata al lupo ed è punto di partenza per numerose escursioni. La sosta in camper qui è libera praticamente ovunque !

Amelie immerge i piedi nel fiume verso il lago Trecolpas

14 luglio 2015 - Giorni trascorsi in camper: 1150
Dal Lac du Boreon a Isola: 59 chilometri percorsi

Stamane lasciamo la sosta al Lago del Boreon e ritorniamo a Saint-Martin-Vésubie per fare bucato e caricare acqua. Stesi i nostri panni, inforchiamo le nostre mountain bikes e siamo pronti per una breve sgambata al villaggio arroccato di Venanson ( 6 km ) dove segnaliamo un parcheggio per la sosta camper a pochi passi dal borgo. Dalla piazzetta del paese si gode di una splendida vista sulla Valle della Vesubie.

Qualche foto di rito e poi rientriamo per il pranzo. Oggi si commemora la presa della Bastiglia e moltissimi mezzi militari d’epoca sfilano lungo la strada che porta a Saint-Martin-Vésubie. Scattiamo qualche foto e poi decidiamo di rimetterci in marcia.

Amelie a bordo di un sidecar militare a Saint Martin de Vesubie dove si commemora la presa della Bastiglia

Le giornate sono davvero calde e speriamo di trovare refrigerio salendo di quota. Segnaliamo possibilità di sosta a La Colmiane ( sul colle ampio parcheggio asfaltato ) e nei diversi villaggi del comune di Valdeblore. Tentiamo di raggiungere l’abitato di Roubion, dove sappiamo esserci una buona sosta camper. Da qui vorremmo proseguire verso il Col de Cayolle anche se ci è stato sconsigliato per via della strada piuttosto stretta.

Subito dopo Saint-Sauveur-sur-Tinée, inforchiamo sulla destra la strada D30 che si rivela subito insidiosa e stretta costringendoci ad una difficile manovra in retromarcia per far passare una vettura.

Proseguiamo e per un breve tratto la carreggiata sembra allargarsi per poi restringersi nuovamente in stretti tornanti. Incrociamo diverse vetture che ci costringono a difficili manovre per passare

Ci avevano avvisato che questo itinerario poteva essere complicato e così decidiamo di tornare indietro appena possibile. Ripreso il bivio con la D2205 ci dirigiamo verso Isola dove ci fermeremo per la notte.


Cosa ne pensi di questo post ? E’ stato utile ?
Se l’articolo ti è piaciuto condividilo con i tuoi amici attraverso i social media

Puoi anche lasciare un commento nel box che trovi qui sotto. Nulla è peggio della sensazione di parlare ad una platea invisibile o in una stanza vuota. La sezione commenti sul nostro blog è molto importante per noi ed il posto perfetto per farci semplici domande, dirci cosa ti piace e cosa non ti piace, se manca qualcosa oppure semplicemente condividere con noi i tuoi pensieri e le tue esperienze. Buona Vita da Pier e Amelie

Leave a Reply

Translate »