Quanto costa vivere in camper ?

Anche quest’anno abbiamo compilato il nostro consueto “report” sul costo della vita. E’ stata la domanda più frequente fra tutte quelle che ci hanno fatto a proposito del nostro stile di vita.

Dunque, quanto si spende per vivere da fulltimers, girando l’Europa in camper ? In questo “post” abbiamo voluto tirare le somme e calcolare quanto abbiamo effettivamente speso durante l’anno appena trascorso.

Quanto costa vivere in camper

Ovviamente è impensabile generalizzare. Ognuno di noi deve tenere conto di numerose variabili. La prima di tutte è l’IMPONDERABILE. Il fattore “evento sorpresa”, ciò che non ti aspetti e in quanto tale non puoi inserire in un budget annuale. Può trattarsi di un guasto meccanico ( che prima o poi capita sempre ) oppure di una malattia; può trattarsi di una necessità inderogabile o di una voglia improvvisa di qualcosa di buono. Qualche accessorio a cui non si era pensato e sembrava non servire… Insomma, ci sono spese che è davvero difficile calcolare.

Per noi quest’anno è stato un problema di famiglia che ci ha costretto a fermarci a lungo in Liguria, in un’area di sosta a pagamento. Normalmente scegliamo la sosta libera, che ci consente di risparmiare una gran parte del nostro budget mensile.

Ma  veniamo al sodo e cerchiamo di rispondere chiaramente e in dettaglio a quanti ci hanno scritto.
Tutte le spese sotto elencate sono intese sulla base di due persone.

Assicurazione Camper ( la nostra casa ) e  Polizza Salute | 695€/anno
Copre quasi tutto e include una polizza salute per l’Estero. Quest’anno ci è servita per coprire un danno ad una finestra che abbiamo sostituito grazie alla Polizza Cristalli inclusa. Altre assicurazioni costano meno e potreste trovare preventivi a partire da 450€/anno ( in base alle caratteristiche e all’anno di immatricolazione del vostro mezzo ) Controllate però che ci siano tutte le garanzie utili per vivere tranquilli un intero anno in giro per l’Europa ! Da quest’anno inseriremo inoltre la garanzia COLLISIONI CON I VEICOLI NON ASSICURATI ( 25€ in più ) visto che sempre più mezzi circolano senza assicurazione.

Bollo Camper 100.74€
E’ la nostra tassa sulla casa. Da qui non si scappa.

Pernottamenti: 112.41€/mese ( nel 2014: 67.5 euro/mese )
Quest’anno abbiamo speso circa il dobbio rispetto all’anno precedente. Per motivi di famiglia abbiamo dovuto fermarci a lungo in Liguria e per nostra comodità abbiamo scelto un’area di sosta con convenzioni per lunghi periodi in modo da usufruire di acqua, corrente e wifi.

Gli altri mesi trascorsi all’estero sono stati praticamente tutti in sosta libera: il 70-80% delle volte pernottiamo senza pagare un soldo. La sosta libera fuori stagione è tollerata in buona parte del bacino del Mediterraneo e spesso in posti meravigliosi ( a pochi metri dal mare per esempio o in aree faunistiche, in parchi o presso cittadine deliziose )

Diesel: 43€/mese ( nel 2014: 139€/mese )
Ovviamente quest’anno la sosta prolungata ci ha fatto risparmiare considerevolmente sul diesel e coperto interamente i costi del soggiorno presso l’area di sosta a pagamento. Anzi complessivamente quest’anno abbiamo risparmiato circa 600€ rispetto all’anno scorso considerando la somma di diesel e soste a pagamento !

Valgono anche qui le considerazioni che facevamo l’anno scorso: non abbiamo ancora voglia di fermarci in un posto, ma questa è una scelta nostra. Certo per raggiungere d’inverno i paesi caldi ( il sud della Spagna per esempio ) dall’Italia bisogna fare un pò di chilometri. Ma nessuno vi vieta poi di fermarvi per molti mesi come fanno la maggior parte dei fulltimers che abbiamo incontrato. Noi abbiamo ancora voglia di vedere posti e magari trovare una terra da occupare come accadeva nel vecchio west !

Anche qui vale il discorso dei costi. In Italia il carburante COSTA ! In Spagna quest’anno abbiamo fatto Diesel a 0.969€/lt ( Dato Dicembre 2015 ) ma si può spendere anche meno presso le pompe bianche. In totale quest’anno abbiamo percorso 3150 km ( davvero pochini rispetto all’anno scorso con oltre 8000 km ! )

Utilizziamo il diesel anche per il riscaldamento della nostra casa ( quindi nei costi segnalati è incluso anche quello ) Quest’anno in area di sosta a pagamento avevamo inclusa la corrente e nei mesi invernali abbiamo utilizzato una stufetta 800W per riscaldare l’aria nei giorni più freddi. In Francia e Spagna da metà settembre a fine dicembre non abbiamo MAI riscaldato ! Se seguite le rotte migratorie allora saranno davvero pochi i mesi  in cui sarete costretti a scaldare e normalmente soltanto per qualche ora al giorno !

Gas propano: 14.5€/mese ( nel 2014: 20€/mese in due )
Con il gas cuciniamo ( tre fuochi e forno: Amelia prepara spesso e volentieri torte salate, pizze e torte di mele…) e scaldiamo l’acqua per la doccia. Anche il frigorifero, quanto non attaccato alla corrente in area di sosta, funziona a gas. Quest’anno abbiamo speso ancora meno dell’anno scorso poichè in Spagna il prezzo delle bombole è calato di circa 4€ rispetto all’anno precedente ( 11,20€ per una bombola da 11 lt  )

Lavanderia/Lavatrice: 6.75€/mese in due
Amelia è una brava massaia e sfido molte casalinghe in ascolto. Se avete in mente di fare questa vita e volete risparmiare almeno un pò dovete tirarvi su le maniche e tornare al vecchio metodo. Si lava presso lavatoi pubblici, lavandini, fiumi o in camper nel piccolo lavabo del bagno. Si asciuga all’aperto e quindi niente sartorie, o lavatrici super tecnologiche. Solo il grosso del bucato lo si fa presso lavanderie a gettone o mentre siamo in sosta presso aree a pagamento ( in questo caso spesso le scegliamo se hanno una piccola/media lavanderia )

Alimentazione: 221€/mese ( nel 2014: 244€/mese in due )
Solo cibi sani e variati. Amelia cucina sempre in camper e non ci siamo mai concessi una cena al ristorante o una pizza fuori. Neanche un caffè al bar, una cocacola o un gelato. Se ne abbiamo voglia li compriamo al supermercato. Si acquista a km zero, nei discount ( quasi sempre Lidl ) e ovviamente con un occhio alle offerte. Poi ci sono i pranzi e le cene a casa di amici, quando capita. E comunque anche in questo caso Amelia cucina sempre qualcosa da portare in tavola.

Telefono 10€/mese in due
Quest’anno per motivi di emergenza e famigliari abbiamo alzato la media mensile ( l’anno scorso spendevamo 7€/mese )

Viviamo la maggior parte dell’anno all’estero e nonostante l’uso di Skype per chiamare casa e amici, la spesa telefonica resta ancora viva. Una buona parte del costo è dato dall’uso del cellulare quando rientriamo in Italia ( quest’anno circa 7 mesi ) per chiamate a volte inutili, per saluti a volte troppo lunghi ( alle volte doverosi, alle volte solo di circostanza…) o costi di attivazioni per telefonare a tariffe scontate sulle schede che abbiamo. Ma si può fare di meglio ( basterebbe mandarsi le email…per esempio ! )

Turismo: 6€/mese in due
Anche in questo caso dipende dallo stile di vita che volete impostare. Noi, nonostante le innumerevoli tentazioni abbiamo scelto di vivere e di viaggiare ma non fare i turisti. Non possiamo essere turisti. Non possiamo visitare tutte le attrazioni, i musei, i monumenti, gli spettacoli che giorno dopo giorno incontriamo. Non siamo in giro per un weekend di follia.

E dunque, nostro malgrado, dobbiamo selezionare molto nel corso dell’anno e magari “regalarci” una visita turistica quando proprio ne sentiamo il bisogno. Quest’anno abbiamo incluso nella spesa la visita del Museo Dali di Figueres ( che vi consigliamo di non perdere ! )

Abbigliamento: 4€/mese ( nel 2014: 15€/mese in due )
Il nostro stile di vita e le condizioni climatiche che troviamo ci consentono di risparmiare molto sull’abbigliamento. Nella maggior parte dei casi siamo in T-shirt e pantaloncini e al massimo indossiamo un paio di ciabatte infradito. Quante T-Shirt avete comprato nella vostra vita ? Io tantissime e mi basteranno per 10 vite. Di che altro avete bisogno ? Giacca, cravatta, gonna in pandant con le scarpe ? Lasciate perdere…

Bene. Eccoci al dunque. Se i miei calcoli sono esatti approssimando siamo arrivati alla cifra mensile di 483.5€/mese in due. Troppo ? Troppo poco ? Per noi va bene e sicuramente ci possiamo ancora lavorare.

A questa cifra dovrete aggiungere alcune voci importanti legate al vostro stile di vita, alle vostre condizioni economiche e di salute, ai vostri interessi ed esigenze personali.

Per esempio abbiamo volutamente escluso qui le spese di manutenzione del mezzo perchè troppo variabili e dipendenti dalle condizioni del vostro camper. Certo se partite con un mezzo nuovo di zecca le probabilità di guasti sono molto ridotte rispetto ad un vecchio camper da 4000€ e con molti chilometri sulle spalle.

Poi dovrete tener conto della salute e dei costi di eventuali visite mediche, interventi o medicine. Anche questa voce è molto variabile e suscettibile di oscillazioni.

In entrambi i casi si possono valutare buone assicurazioni che possano ammortizzare i costi imprevisti sostenuti all’estero o in Italia e che potrebbero “minare” il vostro budget annuale !

Anche quest’anno speriamo di aver fornito informazioni utili e spunti di riflessione a tutti coloro che ci hanno chiesto: MA QUANTO VI COSTA VIVERE IN CAMPER ?


Fateci sapere cosa ne pensate di questo post
Se l’articolo vi è piaciuto fatelo conoscere ai vostri amici attraverso i social media

Lasciate un commento nel box che trovate qui sotto. Nulla è peggio della sensazione di parlare ad una platea invisibile o in una stanza vuota. La sezione commenti sul nostro blog è molto importante per noi ed il posto perfetto per farci semplici domande, dirci cosa vi piace e cosa non vi piace, se manca qualcosa oppure semplicemente condividere con noi i vostri pensieri e le vostre esperienze.

23 thoughts on “Quanto costa vivere in camper ?

  • January 4, 2016 at 9:24 pm
    Permalink

    Ciao, in pensione da dicembre 2015, abbiamo già fatto oltre 15000 Km in circa 5mesi con il nostro camper, per cui i costi sono notevolmente superiori, tuttavia ho trovato molti punti in comune nei nostri “conti” e fattori comuni nel concetto di viaggio. penso che la base di un viaggio full time o almeno con “tempi lunghi” sia una buona preparazione con ricerche dei punti sosta in libera, troppo facile e decisamente molto limitatorio l’uso di camping o aree di sosta, ai quali si ricorre solo in rari casi di necessità. per noi l’avventura è appena iniziata (nonostante 30 anni di camper alle spalle) ed abbiamo capito che dobbiamo ricodificare il concetto di viaggio. sarebbe bello aprire un dibattito con altri viaggiatori a lungo periodo, sentirne le idee, le priorità, le necessità.. insomma, condividere quello che da un modo di viaggiare può diventare uno stile di vita. buoni chilometri.

    Reply
    • January 5, 2016 at 9:21 am
      Permalink

      Ciao Valerio,
      intanto grazie per averci scritto.

      E’ bello condividere emozioni ed opinioni con nuovi viaggiatori. Siamo in numero sempre crescente, qualcosa forse si sta muovendo nelle coscenze delle persone. Anche noi, nel primo anno di “libertà” ci siamo sfogati con 18.000 km e un viaggio a Capo Nord ( fatto in 6 mesi…con molta calma ) poi ovviamente abbiamo capito che dovevamo ridimensionarci per ovvi motivi di “budget”.

      Adesso prepariamo i nostri itinerari con molta attenzione e confrontando tutte le risorse presenti in rete per poter fare sosta libera praticamente ovunque. Sosta libera non significa per noi soltanto fermarsi dove capita, in un parcheggio o a bordo strada ma trovare una “location” ideale per trascorrere il nostro tempo lavorando ( spesso utilizziamo il wifi delle biblioteche pubbliche ) e dedicandoci alle nostre passioni nei luoghi che più ci piacciono, con un buon clima e lontani dalla pazza folla.

      Viaggiando in questi anni abbiamo incontrato davvero molti viaggiatori a lungo termine o fulltimers e ci sarebbe molto da approfondire sull’argomento e lo faremo nei prossimi “post”. Ci piacerebbe sicuramente confrontarci con Voi, novelli “fulltimers”. Buona Vita e…speriamo di vederci presto “on the road”

      Reply
  • January 4, 2016 at 11:05 pm
    Permalink

    Whaoo un bel resoconto ! complimenti ! lo riteniamo molto utile, almeno per noi novelli camperisti, una buona guida per chi volesse programmare un viaggio lungo un anno.

    Reply
    • January 5, 2016 at 9:22 am
      Permalink

      Grazie Elio. Speriamo possa essere d’aiuto a molti e a tutti coloro che ci chiedono informazioni in merito. Siamo sempre a disposizione per qualunque chiarimento e qualunque domanda. Buona Vita

      Reply
  • January 6, 2016 at 9:11 pm
    Permalink

    Sempre molto utili i vostri articoli, avrei alcune piccole curiosità… nel vostro forno a gas riuscite proprio a cuocere o serve solo per “riscaldare”? nel mio camper era montato un fornetto ma oltre ad essere piccolissimo non cuoceva nulla, consumo di gas inutilmente. Inoltre vorrei capire che lavoro si può fare utilizzando internet. Ultima domanda, gli spazi interni li avete lasciati intatti o avete fatto modifiche? ad esempio ampliato gli armadi…creato una “cesta per la biancheria”… insomma il lato pratico del vivere in camper!

    Reply
    • January 8, 2016 at 2:18 pm
      Permalink

      Ciao fra la tua domanda è un poco elaborata ti rispondiamo con calma nei prossimi giorni ciao…

      Reply
    • January 13, 2016 at 8:52 am
      Permalink

      Ciao,
      grazie per averci scritto. Rispondiamo volentieri alle tue curiosità:

      dovendo vivere sempre in camper abbiamo scelto un forno SMEV di buona qualità per poter cucinare
      tutto ciò che vogliamo: dalla pizza alle lasagne, dai biscotti alle torte dolci o salate. Come tutti i forni possiamo regolare la temperatura a seconda del cibo da preparare. Insomma, non è un semplice fornetto e scalda bene anche l’ambiente. Per quanto riguarda i consumi, è difficile dirti con precisione quanto gas utilizziamo per il solo forno. Diciamo che cucinando un paio di volte a settimana con il forno, la nostra bombola da 11lt ci dura circa 4/5 settimane scladando acqua calda per la doccia tutti i giorni e usando la cucina per colazione, pranzo e cena. Spero di esserti stato utile…

      Per quanto riguarda il lavoro la questione è molto più complessa e articolata e credo sarà un argomento che affronteremo in un prossimo “post”. Dipende dalle tue esperienze informatiche, dalle tue passioni e dai tuoi talenti. Fotografa, scrittrice, programmatore, traduttore. Le possibilità sono davvero molte. Intanto posso consigliarti una importante risorsa della rete che si chiama NOMADI DIGITALI dove troverai davvero moltissimi consigli e utili articoli per rispondere alle tue domande.

      Per quanto riguarda le modifiche, beh credo che non esista il mezzo perfetto o la casa perfetta. Con il tempo tutti abbiamo necessità a cui non avevamo pensato. O nuove idee per sfruttare gli spazi. Nussun camper è definitivo. Noi abbiamo disegnato e fatto costruire un tavolo removibile che prolunga il piano cucina sfruttando lo spazio della porta della cellula. E’ uno spazio vitale per Amelia dove poter tirare la pasta o fare le piadine o appoggiare pentole e cibi. Poi un mobile dietro i sedili per disporre acqua, latte e scorte varie ( la nostra “cantina” ) Sul retro abbiamo smontato uno dei letti a castello e ricavato lo spazio per le biciclette. Il letto superiore si è trasformato nella nostra cabina armadio. Se hai voglia guarda il nostro video: CARICHIAMO IL CAMPER !

      Buona Vita da Pier e Amelie

      Reply
  • January 7, 2016 at 9:17 pm
    Permalink

    cari viaggiatori..io sono una donna divorziata con un bel camper e 2 amici fedeli.i miei pelosini che viaggiano sempre con me..sapessi quanta sana invidia mi fate a girovagare per il mondo..dio solo sa come vorrei farlo anche io..ma ci sono 2 cose importanti che mi trattengono.una i figli… il nipote..gli affetti..insomma..laltra è che…per fare lunghi viaggi bisogna essere in 2..quindi..complimenti per la vostra bella coppia..a presto Sonia

    Reply
    • January 8, 2016 at 2:01 pm
      Permalink

      Ciao Sonia, volere è potere. Cerca di fare avverare i tuoi sogni e di vivere la tua vita. I figli sono importanti i nipoti pure ma ogni uno deve percorrere la sua strada. buona vita

      Reply
    • January 8, 2016 at 4:13 pm
      Permalink

      Ciao Sonia, permettimi di dirti un paio di cose: innanzitutto gli affetti familiari non dovrebbero invadere la parte “personale” che ciascuno di noi dovrebbe mantenere autonoma e libera di scegliere per sé, vivere consapevolmente dovrebbe essere un dovere nei nostri confronti..
      per il fatto che sei sola potresti iniziare ad aggregarti a qualche gruppo e magari iniziare con dei raduni, conosceresti altri “spaiati” con la passione del camper e organizzare assieme viaggi a breve raggio, per raggiungere magari l’autonomia emotiva che potrebbe essere la grande assente nell’organizzazione del tuo tempo.
      ajoo wa denali.
      Valerio.

      Reply
    • March 15, 2016 at 7:45 am
      Permalink

      Sono capitata in questo sito per caso è sono rimasta folgorata. Il sogno della mia vita è sempre stato prendermi del tempo per viaggiare in Europa con un camper. Lo dico sempre a tutti e tutti mi considerano un pò matta. Gli impedimenti? Ancora lavoro, la madre anziana, la figlia, un nuovo nipotino. Tutte scuse. Guardo gli annunci dei camper e mi dico: ora lo compero e poi… ma dove vuoi andare da sola? Come dice Sonia bisognerebbe forse essere in 2. Non necessariamente in un camper, magari viaggiare insieme su 2 camper così potrei portarmi i miei 2 pelosini (gatti). Complimenti a Pier e Amelie esempio vivente di …”si può fare!!” Complimenti a Sonia che ci vuol provare. Attilia

      Reply
  • January 10, 2016 at 11:10 am
    Permalink

    Ciao ma una domanda mi sorge spontanea…ma avete una rendita???? Come fate..noi siamo pensionati..ma voi non credo siete così giovani.grazie comunque delle informazioni..

    Reply
    • January 11, 2016 at 5:11 pm
      Permalink

      Ciao Giuliana ovviamente utilizziamo Internet per lavorare. Scriviamo articoli, vendiamo fotografie e ospitiamo pubblicità e sponsor sulle pagine del nostro sito.

      Reply
  • Pingback: Cosa vuol dire scegliere una vita da Fulltimers? Pier e Amelia ci spiegano come vivere su 4 ruote. - GiraMundo

  • June 2, 2016 at 3:49 pm
    Permalink

    Ciao a tutti voi….sono Corrado, io vivo in camion da 28 anni circa,mi e’ capitato spesso che mi sia stata posta la domanda da camperisti….vacanzieri, come riuscivo a vivere in una cabina…… farmi da mangiare all’aperto ,trovare le doccie in autostrada, il sabato se’ liberi da’ impegni lavorativi, correre x trovare le lavanderie ,poi in camion stirare, con un inverter da 1000 w x corrente in 220, tele piu’ skay con parabola,il mio desiderio ora e’ trovare….di vendere la casa,e’ comprarmi un camper con gavone x bici ed piccolo scuter…..recarmi al lavoro tutti i lunedi’ x essere libero il venerdi….spostarmi non tanto distante, da zona bergamo anche i piccoli laghi in zona….mah!? svegliarmi dove voglio….senza aver a che”ffare con mutui e’ il resto delle tasse che ci perseguono…. ‘eppure io avessi un camper misentirei….completo!!!

    Reply
    • June 2, 2016 at 4:28 pm
      Permalink

      Grazie Corrado per averci scritto e per la tua bella testimonianza. Buona Vita e Buona Strada. Speriamo di incontrarti presto con il tuo camper !

      Reply
  • September 24, 2016 at 10:59 am
    Permalink

    Il vostro blog é molto utile, specialmente per i costi mensili. Io e la mia ragazza vogliamo partire col camper, con sicurezza certa solo la partenza verso la liberta.
    Ho letto che scrivete articoli e vendete foto per le vostre entrate.
    Potete consigliare anche a noi dove vendre le nostre foto e scrivere articoli.?
    Buona vita verso la felicita.

    Reply
  • December 6, 2016 at 12:06 am
    Permalink

    Ciao !!! La nostra domanda è semplice ( forse)
    Sono andato in pensione e quindi con mia moglie stiamo
    Valutando di cominciare a viaggiare e fare la nostra vita
    In un camper ( domanda)
    Non avendo più casa la residenza? Il domicilio?
    Spero che siano domande semplici ma giuste
    Ciao ragazzi

    Reply
    • December 9, 2016 at 10:55 am
      Permalink

      Ciao Antonio e ciao Graziella.
      Molti ci hanno chiesto informazioni a proposito della residenza. La questione è semplice e complicata allo stesso tempo. Ma soltanto perchè siamo, comeal solito, in Italia. Vi posso dire che se non avete dimora potete chiedere ad un comune di vostra scelta di assegnarvi la residenza per senza fissa dimora e per legge non possono rifiutarvelo. Faranno storie, vi diranno di eleggere la residenza presso un famigliare o un amico o peggio vi diranno di trovarvi una casa.

      Per ricevere posta, documenti e quant’altro dovrete eleggere un domicilio presso un amico o aprire una casella postale. Questo solo se vi serve avere un recapito fisso. Altrimenti all’estero potete ricevere posta gratuitamente in qualunque ufficio postale.

      Attenzione con la residenza perchè si possono perdere quei (pochi) diritti conseguiti. Per esempio la pensione sociale. Se decidete di prendere residenza all’estero, ricordate che se avete unapensione sociale questa vi verrà tolta definitivamente.

      Viste le richieste preparerò un articolo più dettagliato in materia. Grazie e Buona Vita !
      Pier

      Reply
  • January 30, 2017 at 12:05 am
    Permalink

    Salve,
    mi piacerebbe seguire le vostre orme, ma c’è qualcosa che non riesco a comprendere. Come fate con la residenza? Siete fissati al comune come senza fissa dimora? Grazie!

    Reply
    • January 30, 2017 at 3:18 pm
      Permalink

      Ciao Ilaria. Per il momento la residenza é presso l’abitazione dei genitori di Amelie. In futuro faremo richiesta come senza fissa dimora. Il tuo comune non si può opporre per legge. A presto !

      Reply
  • July 4, 2017 at 10:44 pm
    Permalink

    Salve inseguitori del sole:) non ho nemmeno il camper adesso..ma in futuro lo comprerò.. da viverci da solo girovagare i 6 mesi invernali..dato d estate faccio la stagione.. e con i vostri “conti fatti “mi avete aperto la mente sulla possibilità di poterci vivere senza bisogno di lavorare in inverno. Ciao nomadi belli ci incontreremo sicuramente. Buona vita

    Reply
    • July 26, 2017 at 10:19 am
      Permalink

      Ciao Simone,
      ti auguriamo presto di aggiungerti alla schiera ( sempre più numerosa ) degli amici fulltimers
      Ci vediamo presto “on the road” e per ora…Buona Vita da Pier e Amelie !

      Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie Maggiori Informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close